Crea sito

Collaboratori del Blog

MARIA TERESA ANTONA

tereDei miei primi ricordi fanno parte la passione per arte e fotografia, che mi hanno accompagnato, insieme ad un gruppo di Amici di Vita, attraverso adolescenza e giovinezza tra boschi, spiagge, luoghi incontaminati della mia Valbormida (in cui vivo da quando sono nata) e della Liguria, albe e tramonti, alla ricerca dell’istante fuggente e quasi impercettibile da fissare per sempre con uno scatto, come all’inseguimento dell’ “onda perfetta”….

Ma non esistono onde e scatti perfetti, i sogni si infrangono come il mare in burrasca sugli scogli, la Vita e le sue responsabilità prendono il sopravvento, la cura e la dedizione verso un altro Grande Amore mi fanno dimenticare interessi e spensieratezze giovanili.

Oggi, a 50 anni, con al fianco un bimbo ormai diventato Uomo, ritrovo me stessa nel ricucire i lembi del passato…Una quantità di informazioni, dettagli e tecnica da riportare alla luce, affinare e riuscire a trasformare in emozione.

Spero di farcela, anzi, ne sono sicura, quanto sono certa che nulla si ferma, tutto si evolve, la ricerca dell’universo che ci circonda e di noi stessi è infinita.

La propensione per la filosofia Zen ha fatto parte di me la massima “Cerca finché non trovi, ma se trovi significa che hai sbagliato qualcosa”

Ringrazio tutti gli Amici del BLOG per quell’interruttore un po’ nascosto che inconsapevolmente hanno trovato e premuto…

LAURA FENICI

4793_1069962149963_1253377001_30142938_143223_nCiao, mi chiamo Laura e con molto piacere collaboro con Biagio e Sara a questo Blog.

Abito a Pisa, ho un marito e un figlio e la mia laurea in Lettere mi ha portato ad insegnare per vari anni nei Licei. Da sempre sono un’appassionata di tutto ciò che è Arte: adoro la pittura, la scultura e, ovviamente anche la fotografia, che ho scoperto da pochi mesi, ma che mi affascina sempre di più.

Sono ancora alle prime armi, fotografo un po’ tutto, forse anche troppo, come fanno i bambini quando hanno tra le mani un giocattolo nuovo…

La cosa che ultimamente mi interessa approfondire è il “reportage fotografico”, in cui puoi davvero, attraverso le tue foto, raccontare una storia, descrivere una situazione particolare e anche, perché no, far sentire la propria voce con un articolo magari di denuncia.

Spero di poter essere utile a Biagio e a Sara, anche se il tempo che ho a disposizione non è poi molto…

Comments are closed.